Corso IV Novembre 5, 15121 Alessandria (AL) e Via Alessandro della Rovere 2/D, 15033 Casale Monferrato (AL)
3494531618

Neuropsicologia

"Più in alto della realtà si trova la possibilità" Heidegger

Valutazione e riabilitazione neuropsicologica

Il declino di una o più funzioni cognitive (il linguaggio, la memoria, il ragionamento, l’attenzione) può essere l’esito del passare del tempo e del naturale invecchiamento, oppure causato da: un incidente stradale con trauma cerebrale; un ictus cerebrale; un tumore cerebrale.

Inoltre, il decadimento cognitivo può essere la conseguenza di una demenza, come la Malattia di Alzheimer, la Demenza vascolare o frontotemporale, o di malattie demielinizzanti come la Sclerosi Multipla o degenerative come la SLA.

Gli esiti di varie patologie possono includere:

  • La Negligenza spaziale unilaterale, che è un disturbo della cognizione spaziale nel quale, a seguito di una lesione cerebrale che nella maggioranza dei casi coinvolge l’emisfero destro. Il paziente ha difficoltà ad esplorare lo spazio controlaterale alla lesione e non è consapevole degli stimoli presenti in quella porzione di spazio esterno o corporeo e dei relativi disordini funzionali (anosognosia).
  • L’aprassia, che consiste in un disturbo nell’esecuzione di un movimento finalizzato a uno scopo. L’aprassia insorge di frequente a seguito di un danno parietale nell’emisfero sinistro.  Esistono diverse forme di aprassia. L’aprassia ideativa riflette un danno del programma motorio. Il paziente con aprassia ideativa ha difficoltà a utilizzare gli oggetti (per es., un martello, un bicchiere e una bottiglia), sia singolarmente che in sequenza. L’aprassia ideomotoria, è determinata da una difficoltà a implementare il programma motorio nei movimenti appropriati. Questo disturbo viene messo in evidenza mediante compiti di esecuzione di gesti su imitazione, sia significativi che non (per es.: ‘saluto militare’, ‘mano aperta con il dorso in alto, orizzontale a livello del mento’). L’aprassia costruttiva è l’incapacità da parte della persona di programmare ed organizzare in maniera corretta un movimento o più azioni e di riprodurre strutture complesse, dovuta al fallimento nei tentativi di porre gli elementi costituenti nei corretti rapporti spaziali reciproci. Si valuta tramite la copia di figure più o meno complesse.
  • L’agnosia, che porta ad un’incapacità di riconoscere oggetti, animali o persone in assenza di deficit sensoriali. Le agnosie sono specifiche per modalità sensoriali (più frequentemente visiva). Il paziente, pur non avendo deficit sensoriali (visivi), non riconosce un oggetto a lui noto. Il sintomo dell’agnosia è dato dall’incapacità di denominare un oggetto presentato secondo una precisa modalità (ad esempio visiva). Nell’agnosia appercettiva sono colpiti gli stadi relativamente più precoci ­dell’elaborazione: ossia il paziente non è in grado di stabilire quali tra più fotografie rappresentino lo stesso oggetto raffigurato in angolazioni diverse, oppure non è in grado di individuare due oggetti se sono parzialmente sovrapposti. A un livello più alto nella gerarchia del riconoscimento visivo, nell’agnosia associativa il paziente è capace di stabilire i confini tra figure sovrapposte o di confrontare oggetti ritratti sotto diverse angolazioni. Può anche stabilire se una figura rappresenta un’entità esistente oppure un oggetto chimerico ma non sa fornire nessuna informazione sulle entità percepite: né il nome, né la funzione, né altre indicazioni che testimonino un accesso alla rappresentazione concettuale.
  • L’afasia insorge a seguito di lesioni all’emisfero cerebrale sinistro. Indica la condizione in cui si perde la capacità di comunicare. A seconda del tipo di afasia, risulta maggiormente deficitaria la capacità di espressione (afasia di Broca) o quella di comprensione del linguaggio (afasia di Wernicke), parlato o scritto. In genere compare all’improvviso dopo un ictus o un trauma cranico, ma può anche svilupparsi lentamente insieme a un tumore cerebrale o a una malattia neurodegenerativa.

Per ognuno di questi disturbi esistono adeguati protocolli di valutazione e riabilitazione. Si procede facendo una valutazione delle funzioni cognitive interessate attraverso test standardizzati, per poi, successivamente, intervenire con un trattamento personalizzato per ogni singolo paziente, con l’obiettivo di potenziare tali funzioni cognitive.

Call Now Button
error: Content is protected !!